Località

Quattro passi nella storia

 

La zona di Calestano, abitata fin dallepoca preistorica, stata oggetto di importanti ritrovamenti archeologici mentre lorigine del suo Borgo risale presumibilmente al Medioevo.

Percorrendo le vie dellantico borgo si possono godere numerosi scorci di grande interesse:

infatti ancora ben riconoscibile la parte pi antica dellabitato costituita da case in pietra e strade lastricate. La Chiesa dedicata a San Lorenzo, patrono del paese di fondazione medievale ed oggi ammirabile nella sua veste settecentesca, la bastia fortificata risalente al XV secolo e lattigua piazza coronata di antichi edifici, il settecentesco palazzo Coruzzi si raggiungono attraverso un itinerario che si dispiega tra vicoli, passaggi voltati e porticati di suggestiva bellezza.

 

La localita Castello dienbsp; Ravarano conserva limpianto di origine medievale e un borgo parzialmente recuperato con le tipiche case in sasso. Il Castello che lo sovrasta un edificio fortificato costruito intorno allanno Mille e collocato in posizione dominante sulla valle Baganza.

enbsp;

L'area di Fragno, frequentata fin dall'epoca preromana, come dimostrano gli importanti ritrovamenti del cosiddetto "Castelliere di Fragno", insediamento risalente circa al 1500 a.c. e riconducibile alla presenza delle popolazioni Liguri, fortemente radicate in Val Baganza fino alla conquista romana. La chiesa di San Pietro, citata gia nel 1230 tra le dipendenze della Pieve di Castrignano, deve il suo attuale aspetto ai rifacimenti del 1660, mentre la facciata neoclassica del 1858.

 

La frazione di Iano nota per la presenza delle piccole grotte, situate a breve distanza dall'abitato, ma anche per il suggestivo oratorio collocato su un piccolo dosso in posizione isolata. L'edificio attuale del XVII secolo sorge su un edificio medievale (citato nel 1230), secondo alcuni autori sorto a sua volta su un luogo di culto di epoca romana, dedicato a Giano, da cui deriverebbe il toponimo della frazione, dal suffisso comunque riconducibile ai primi anni dell'era cristiana.

 

Nella frazione di Marzolara la vecchia stazione del tramvai risalente ai primi anni Novecento ora restaurata e sede di un esercizio commerciale.